Settimana Santa: messaggio di don Paolo Ghiani alla comunità di Santa Giusta

Pubblicato giorno 2 aprile 2020 - In home page

Basilica

Carissimi,
l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha fatto coincidere la Quaresima con una sorta di quarantena generale, che ha impedito di radunarci per pregare e celebrare i Sacramenti. Abbiamo comunque cercato di nutrirci della Parola di Dio e di pregare nelle nostre famiglie grazie alla condivisione di vari sussidi elaborati a livello nazionale, ma anche nella nostra Parrocchia. La condivisione dei carismi, la meditazione, la preghiera gli uni per gli altri, i gesti di penitenza e di carità ci hanno fatto riscoprire le nostre famiglie quali piccole Chiese domestiche e ci hanno tenuto uniti anche come comunità cristiana.
Neppure durante la Settimana Santa potremo riunirci tutti nella nostra basilica o in processione per le vie del paese. Tuttavia una nota del Ministero dell’Interno permette che, all’interno delle chiese, poche persone possano partecipare ai principali riti, per svolgere alcuni ministeri essenziali: accolito, organista, cantore, lettori, tecnico audio-video.
Ai presbiteri si uniranno dunque queste figure, nel rispetto delle norme di sicurezza, per celebrare degnamente i misteri liturgici della Settimana Santa:

Domenica 5: Messa “de Passione Domini” Ore 10:30

Giovedì 9: Messa “in coena Domini” Ore 18:00

Venerdì 10: Azione liturgica “in Passione Domini” Ore 18:00

Sabato 11: Veglia pasquale Ore 22:00

Domenica 12: Messa di Pasqua Ore 10:30

Se solo pochi potranno partecipare direttamente alla liturgia, tutti possono contemporaneamente unirsi in preghiera nelle proprie case. Con-divideremo ancora alcuni sussidi elaborati da membri della nostra Parrocchia. Se qualcuno, poi, vorrà seguire, in diretta streaming o televisiva, i vari riti, potrà opportunamente scegliere quelli presieduti dal nostro Vescovo.
Continuiamo a prepararci, attraversando e affrontando cristianamente questo tempo di drammatica sofferenza e separazione forzata, perché questa Pasqua lasci un segno nella nostra vita personale, nelle relazioni familiari, comunitarie, sociali. Così potremo, quando il Signore ce lo concederà, celebrare di nuovo insieme l’Eucaristia, per il suo amore e la nostra gioia.

Buona Settimana Santa!
2 aprile 2020
Don Paolo

Lascia un commento

  • (will not be published)